Bocca e Polmoni

Il microbiota orale è popolato da una vasta gamma di microrganismi che formano una complessa comunità capace di influenzare la salute orale e sistemica. La disbiosi del microbiota orale è stata associata alla comparsa di carie, malattie parodontali e tonsillite, nonché al diabete, malattie cardiovascolari, alcune forme di tumori e malattie neurodegenerative come il Parkinson.

I polmoni, a lungo considerati sterili, possiedono in realtà un proprio microbiota costituito in parte da microrganismi che provengono dalla cavità orale attraverso la microaspirazione.

La disbiosi del cavo orale che precede e/o causa disbiosi nei polmoni, contribuisce alla patogenesi di diverse malattie come l’asma, la rinite allergica e la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

Il tratto gastrointestinale e quello respiratorio, sebbene organi separati, fanno parte di un sistema immunitario mucoso condiviso chiamato asse intestino-polmone. Un microbiota intestinale sano mantiene risposte immunitarie locali e sistemiche omeostatiche. Quando però viene perturbato, ad esempio durante un’infezione o in seguito a trattamenti antibiotici, i normali segnali derivati ​​dal microbiota vengono alterati, il che porta a una risposta immunitaria modificata.

All’inizio della vita, quando il sistema immunitario è ancora in via di sviluppo, la perturbazione del microbiota polmonare e/o intestinale può alterare sostanzialmente il modo in cui il sistema immunitario percepisce l’ambiente circostante in età avanzata, portando allo sviluppo di disturbi infiammatori cronici.

Le malattie polmonari croniche come l’asma e la BPCO, spesso si verificano insieme a malattie croniche del tratto gastrointestinale come la malattia infiammatoria intestinale (IBD) o la sindrome dell’intestino irritabile (IBS). Fino al 50% degli adulti con IBD e il 33% con IBS hanno un coinvolgimento polmonare, come infiammazione o ridotta funzionalità polmonare, sebbene molti pazienti non abbiano una storia di malattia respiratoria acuta o cronica. Inoltre, i pazienti con BPCO hanno una probabilità 2-3 volte maggiore di essere diagnosticati con IBD. Gli individui con asma hanno alterazioni funzionali e strutturali nella loro mucosa intestinale e i pazienti con BPCO hanno tipicamente una maggiore permeabilità intestinale.

La scoperta dell’asse microbiota-intestino-polmone ha aperto la strada a diverse possibili strategie terapeutiche per il trattamento e la prevenzione delle malattie respiratorie acute e croniche

Come posso aiutarti?

Contattami per ricever euna mia consulenza