Gravidanza, allattamento e infanzia

La gravidanza induce molti cambiamenti nel corpo umano a livello del sistema immunitario, del metabolismo e dei flussi ormonali.

Durante questo particolare periodo è fondamentale curare l’alimentazione e lo stile di vita (es. limitare lo stress, evitare alcool e fumo, praticare sport, avere una buona qualità del sonno, ecc.) in quanto possono determinare alterazioni della funzionalità intestinale e della composizione del microbiota materno pericolose per la madre e il nascituro.

Tali alterazioni, infatti, possono promuovere lo sviluppo di diabete gestazionale, ipertensione, infezioni intestinali e uro-genitali, costituendo fattori di rischio di parto pretermine o natimortalità.

Lo sviluppo del microbiota intestinale sembra avere origine già durante la vita intrauterina, anche se il vero imprinting microbico si verifica durante il parto. Molti fattori possono influenzare la composizione del microbiota del neonato, compreso il microbiota orale, intestinale e vaginale materno, la dieta materna, la modalità di parto, il tipo di allattamento e di svezzamento, le esposizioni ambientali, l’utilizzo di farmaci e il patrimonio genetico.

Un trasferimento anomalo microbico iniziale da madre a figlio può influenzarne lo sviluppo del sistema immunitario e neuronale; i rischi sono quelli di sviluppare allergie, asma e può contribuire a complicazioni post-natali compresa l’insorgenza di sepsi.

Come posso aiutarti?

Contattami per ricever euna mia consulenza